lunedì 8 agosto 2022
12.03.2013 - Donatella Lauria

Villa Regina Margherita: di notte solo un allarme come "guardiano"

Carenza di personale, nessun guardiano di notte, poche certezze su mostre e rassegne. Le sorti di Villa Regina Margherita a Bordighera sembrano appese ad un filo.

Nessun guardiano di notte a Villa Regina Margherita. Il tesoro della famiglia Terruzzi è controllato nelle ore notturne solo da un impianto allarme. E durante il giorno da due guardie che si alternano con turni differenti. Nessuna Cooperativa ha firmato il contratto. Molte incertezze. E una situazione di abbandono e indifferenza verso quello che doveva rappresentare uno dei poli culturali più importanti della nostra regione.

Tante domande sorgono spontanee. A meno di due settimane dall'apertura che fine ha fatto Villa Regina Margherita? Quale futuro si prospetta?

Ci sarà in calendario una mostra? Cosa dice il Comune? Cosa dice la provincia? Cosa ne pensa la cittadinanza?

E coloro che si vogliono proporre per le elezioni comunali alla guida della città sono d'accordo a tirare fuori 250.000 per una Fondazione che viene gestita come un ente privato ma con soldi pubblici?  Per il momento solo la direttrice del museo e il conservatore  hanno  avuto il rinnovo del contratto. Rimarrà chiuso anche il bookshop: ampio spazio all'ingresso della villa, ricco di libri d’arte e interessanti dvd sul patrimonio storico della prestigiosa residenza della regina. 

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo