giovedì 2 aprile 2020
Sei in: Ponenteoggi » Cronaca
23.06.2014 - C.S.

La Guardia di Finanza scopre falso invalido, truffa fino ad un milione di euro

 I Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Imperia, nel corso delle attività di Istituto svolte in materia di monitoraggio delle provvidenze erogate da Enti previdenziali ed assistenziali hanno smascherato un "falso Invalido" il quale ha beneficiato di svariate rendite e sussidi erogati da Enti Pubblici.

 In particolare, tale soggetto, cittadino italiano, aveva segnalato all’INAIL di essere stato vittima di un infortunio stradale in quanto investito con il proprio scooter da un’autovettura che si era dileguata subito dopo l’incidente che gli aveva procurato, come esito dell’incidente stesso, la paraplegia agli arti inferiori.

 Pertanto, sulla base della documentazione sanitaria dallo stesso prodotta ai vari Uffici gli era stato riconosciuto lo status di persona colpita da infortunio sul lavoro, in quanto l’incidente sarebbe avvenuto per recarsi sul posto di lavoro.

 Nel dettaglio il "Falso Invalido" ha beneficiato di:

- totale delle rendite mensili erogate dall’INAIL: euro 309.006,75 (circa 3 mila euro al mese)

- indennità varie, ausili e ricoveri erogati dall’INAIL: euro 150.662,80

- abbattimento barriere architettoniche presso la propria abitazione concesso dall’INAIL: euro 52.295,20

- provvisionale a carico Fondo di Garanzia Vittime della Strada: euro 500.000,00

- fondo regionale per la non autosufficienza: euro 4.200,00

- contributi straordinari Distretto Socio Sanitario Sanremo: euro 10.200,00

per un totale di euro 1.026.364,75

 

Le indagini svolte hanno permesso di accertare che l’incidente stradale, peraltro mai rilevato da alcuna FF.PP., era da ricondursi ad una accidentale autonoma caduta dalla moto, senza responsabilità da parte di terzi.

 

Dal successivo esame e raffronto della documentazione acquisita presso vari ospedali con quella prodotta dall’indagato all’INAIL, sono stati accertati numerosi casi di avvenuta falsificazione, ideologica e/o materiale, delle certificazioni ed esami medici presentati al fine di dissimulare le reali condizioni di salute; infatti le indagini hanno consentito di rilevare che l’indagato non soffre di alcuna patologia di carattere fisico.

 

Sulla base dei descritti accertamenti esperiti, il Nucleo PT di Imperia ha denunciato all’A.G. il falso invalido per i reati di cui agli artt. 482, 640, comma 2 nr. 1, C.P. aggravati dall’aver cagionato un danno patrimoniale di rilevante gravità, cui è seguito da parte del Tribunale di Imperia l’emissione di un Decreto di sequestro preventivo nei confronti dell’indagato per il sequestro dei suoi beni per un controvalore pari all’importo della truffa.

 

Sulla base di tale Decreto il Nucleo PT di Imperia ha proceduto al sequestro di tutti i beni riconducibili al “falso invalido” e consistenti in nr. 2 appartamenti siti a Sanremo e Bordighera, nr. 1 terreno sito anch’esso in Bordighera (IM), nr. 1 autovettura e nr. 6 conti correnti.

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo