giovedì 28 maggio 2020
Sei in: Ponenteoggi » Cronaca
19.06.2013 - Redazione

Legambiente: Liguria "campionessa" al Nord per i reati ambientali

Secondo la classifica "Ecomafia 2013" la nostra regione si posiziona ottava a livello nazionale e prima al Nord.

Numeri sorprendenti. Con 1.597 reati ambientali,  un aumento del 9,1% rispetto ai dati del 2011, la Liguria si classifica al primo posto tra le regioni del nord (ottava a livello nazionale) nella classifica Ecomafia 2013, diffusa oggi da Legambiente sulla base dei dati delle forze dell’ordine. La fotografia, che si basa sulla relazione 2012 della Direzione Nazionale Antimafia,  dimostra come l’attività della criminalità organizzata in Liguria si manifesta in modo mirato al controllo dei settori economici di maggiore rilevanza: le attività commerciali e il settore dell’edilizia, e in particolare gli appalti pubblici. La Liguria risulta all’ottavo posto per numero di persone denunciate e arrestate per i reati di corruzione (22) dopo il Lazio, un dato che preoccupa ulteriormente se a questo si affianca Ventimiglia tra i Comuni sciolti nel 2012 per infiltrazione mafiosa. “Un’escalation  preoccupante – commenta Santo Grammatico, presidente di Legambiente Liguria – che dimostra non solo come la nostra regione sia sempre più zona di infiltrazione da parte della criminalità organizzata, soprattutto ‘ndrangheta, ma come l’ambiente e il territorio siano i principali asset speculativi, oltre agli appalti pubblici e alla corruzione, su cui fare affari illegali”.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo