venerdì 19 agosto 2022
Sei in: Ponenteoggi » Cronaca
21.08.2013 - Redazione

Omicidio a Ventimiglia, un amico della vittima: " lo ha ucciso perchè non voleva essere disturbato al mattino"

Un amico di Eliseo Forino traccia un ritratto della vittima: "un uomo buono, pacifico e grande lavoratore".

nelle foto assassino e vittima

“Eliseo era un uomo buono, pacato, preciso e grande lavoratore. Al mattino svegliava il figlio con la sola intenzione di farsi dare una mano in campagna. Ma lui non ne voleva sapere”.

Un amico di Eliseo Furino, parla così dell'ex dipendente Enel ucciso pochi giorni fa dal figlio. Vuole rimanere nell’anonimato ma ci tiene, attraverso il nostro giornale, a fare un ritratto di un uomo che ora dalle interviste della moglie, viene descritto come un padre violento.

“Tutt’altro. Non avrebbe mai fatto male ad una mosca – prosegue – Ha costruito la sua casa con fatica e parsimonia, lavorava tutto il giorno in campagna. Teneva molto al suo terreno, lasciatogli dal padre. Aveva ristrutturato la casa da poco e spendeva energie per migliorarla in ogni dettaglio. Era un uomo pacifico, non l’ho mai sentito urlare, una persona per bene. E’ vero che svegliava il figlio al mattino ma per chiedergli aiuto nel lavoro in campagna, visto che questo era disoccupato e di giorno non faceva niente. Probabilmente, stufo di essere “disturbato” ogni mattina” lo ha ucciso.”

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo