venerdì 14 agosto 2020
Sei in: Ponenteoggi » Cronaca
27.01.2014 - Redazione

Ventimiglia: cinquantadue nomi per non farsi arrestare, ma la polizia non ci casca

Inventare un nome falso per non farsi riconoscere, si sa, è una prassi assai utilizzata soprattutto da parte di stranieri, ancor più se nomadi e ricercati; averne due o tre passi, ma collezionarne ben 52, con la speranza di non venire scoperti, rappresenta un vero e proprio record. Ciò che ha spinto S.J., trentasettenne nata a Torino di origine croata, a sbizzarrirsi con tante identità differenti ogni qualvolta veniva denunciata o arrestata per furti in appartamento e anche rapine, è certamente la volontà di perseverare nelle attività criminali.

La donna stava rientrando in piena notte dalla Francia a bordo un autocaravan con targa italiana assieme al marito e al figlioletto. All’ALT della Polizia di Frontiera, per verifiche di routine, ha cercato di eludere i controlli, facendo leva sul suo avanzato stato di gravidanza e sulla presenza del bimbo. Gli Agenti del Settore, con ferma gentilezza, hanno dato sfogo al loro intuito perseverando negli accertamenti e scoprendo così che la stessa era particolarmente “conosciuta” alle Forze dell’Ordine. In ufficio, i Poliziotti del Settore hanno dovuto svolgere un lungo lavoro di analisi e comparazione dati ed impronte, visionando lunghe pagine di precedenti penali ognuno dei quali portava un nominativo differente. E’ stato così appurato che la donna, sotto ben 52 diversi nomi, aveva collezionato reati nelle principali città del Lazio, Lombardia, Veneto, Piemonte, Toscana, Emilia Romagna, Puglia e soprattutto Liguria, giungendo fino a Sanremo; sorprendente la sua capacità di perpetrare furti con scasso in appartamento e rapine per i quali già dall’età di 14 anni, era stata arrestata.

Dal 2008, a seguito di condanna da parte del Tribunale di Alessandria, era ricercata dovendo scontare una pena di 5 anni e 8 mesi per i reati suddetti, ragione per la quale, presumibilmente, si era nascosta in Francia.

Non si esclude pertanto la possibilità che la donna intendesse riprendere la sua “attività” illecita nuovamente nell’estremo ponente approfittando del suo stato interessante, attività a cui gli uomini del Settore hanno messo la parola fine.

 

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo