giovedì 28 maggio 2020
Sei in: Ponenteoggi » Cronaca
10.05.2013 - Redazione

Ventimiglia: la polizia incontra le scuole di Nervia

Nei giorni scorsi gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Ventimiglia hanno incontrato gli alunni delle due sezioni della classe 4° della scuola Primaria Nervia per parlare di argomenti legati allo sviluppo della cultura della legalità e della convivenza civile

  In un clima di festosa partecipazione i poliziotti, tra le numerosissime altre,  hanno risposto a domande sulle tecniche della Polizia Scientifica (ricerca delle tracce e rilevazione delle impronte digitali), sull’attività del Poliziotto di Quartiere e il suo rapporto quotidiano con i cittadini, sulle specialità della Polizia di Stato che garantisce il soccorso e la sicurezza nella città, sulle strade, nelle stazioni ferroviarie e sui treni, negli aeroporti, in montagna, sul mare.

 Molto apprezzate la proiezione di immagini riguardanti le attività di Polizia e, in particolare, l’individuazione delle tracce sulla scena del crimine.

 Con le cautele richieste dall’età degli interlocutori, insieme agli insegnanti, si è parlato in particolare di come la Polizia organizza le indagini, delle norme che regolano il potere di arrestare le persone colte in flagranza di reato o fortemente sospettate, della funzione dei giudici che convalidano gli arresti fatti dai poliziotti, del processo penale al termine del quale i giudici decidono l’eventuale condanna e delle pene carcerarie che ne conseguono.

 I ragazzi, nonostante la giovanissima età, hanno dimostrato grande familiarità con difficili concetti giuridici.

 Le speciali conoscenze in materia di legalità delle bambine e dei bambini che hanno partecipato all’incontro erano state appena confermate dalla loro fresca vittoria nel concorso nazionale  ”Geografia e legalità. Sconfiggere le mafie nella mia regione”, bandito dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dalla Fondazione “Giovanni e Francesca Falcone” in occasione del XXI Anniversario della Strage di Capaci.

 Al termine dell’incontro il Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo nr. 2 “Cavour”, dr.ssa Antonella Costanza, è intervenuta per evidenziare, come, attraverso questi incontri, ormai diventati una consuetudine, con l’approccio di un dialogo costruttivo, fatto di domande e risposte e non di lezioni “cattedratiche”, sia possibile incoraggiare più giovani a collaborare con le istituzioni in un rinnovato clima di fiducia reciproca.

        


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo