sabato 18 gennaio 2020
Sei in: Ponenteoggi » Podismo
19.04.2014 - G.Quaglia

Podismo: come nacque la celebre "scalata" al Monte Faudo? L'antefatto

Continua l'interessante storia di una delle gare più prestigiose della Liguria e non solo, che l'8 giugno, grazie all'organizzazione della Maurina Olio Carli di Imperia, ritorna con una veste rinnovata.

Domenica 4 settembre 1966, in vetta al Monte Faudo, si inaugurò una cappella votiva, opera dell’architetto Aldo Pellissone di Torino e una croce alta 11 m, opera dell’ing. Antonio Tomasselli di Imperia, per ricordare le vittime civili dell’ultimo conflitto e soprattutto la memoria di 27 valligiani che il 17 agosto 1944 furono barbaramente uccisi dai nazisti sulle pendici del monte Faudo, mentre si trovavano pacificamente a falciare il fieno. Le orazioni ufficiali furono tenute dal Ministro on. Paolo Emilio Taviani e dall’onorevole Aldo Amadeo e alla presenza dell’amministratore apostolico della diocesi di Ventimiglia mons. Stefano Tinivella, di don Martini, presidente della Federazione Italiana Volontari della Libertà, di rappresentanze del Vescovo di Albenga, mons. Piazza, del generale di squadra aerea Paolo Moci, sottocapo di Stato Maggiore della Difesa, del senatore Raoul Zaccari e degli onorevoli Roberto Lucifredi e Ambrogio Viale, oltre alle autorità provinciali, tra cui il Prefetto e i Sindaci di Imperia, Sanremo, Taggia, Dolcedo, Badalucco, Castellaro, Pietrabruna e Prelà. La Maurina partecipò a questa cerimonia con una staffetta che dal mare portò la fiaccola olimpica sino in cima al Monte Faudo. Gli atleti portarono il fuoco, benedetto nella basilica di S. Maurizio di Imperia Porto Maurizio, ed accesero il tripode nella cappella votiva. La composizione della STAFFETTA era la seguente:
Silvana Acquarone, Adriano Viano, Danilo Giribaldi, Nino Amoretti, Giovanni Genta, Adriano Lercari, Augusto Rocca, Giovanni Quaranta, Cesare Scaramazza, Roberto Rosso, Giuliano Arnaldi, Claudio Trachelio, Giacomo Ramella, Vincenzo Vivaldi, Lino Zerbone, Giacomo Garibbo, Franco Gorlero, Pierino Mantero.

Giovanni Quglia


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo