sabato 30 maggio 2020
Sei in: Ponenteoggi » Podismo
04.04.2013 - Redazione

Tre atleti del Ventimiglia Marathon espugnano Parigi

Patrizia Negri, Donatella Lauria e Fabio Bosio saranno tra i 42 mila iscritti alla Maratona internazionale di Parigi, in calendario domenica 7 aprile.

Ci saranno anche tre atleti del Ventimiglia Marathon, Donatella Lauria, Patrizia Negri e Fabio Bosio, alla maratona di Parigi, in programma domenica 7.

La Maratona di Parigi è una gara tra le più importanti nel panorama internazionale e vanta oltre 40 mila iscritti. Attraversa gli angoli e gli scorci più affascinanti della città, dando ai runners la sensazione di correre in un angolo di "paradiso" dell'arte.

Lauria, corre da 4 anni, è alla sua prima maratona, ( ha all'attivo numerose mezze con un tempo record di 1h e 39, l'anno scorso si è classificata settima nella Mezza di Imperia): tre mesi di preparazione ad hoc, tra un impegno e  l'altro, seguita da Nino Cuffaro che qualche anno fa si è piazzato tra i primi 100 nella maratona di New York. Punta ad arrivare sotto le 4 ore ma  sarebbe già una soddisfazione tagliare il traguardo. "E' una sfida soprattutto di testa, - commenta - che serve per stabilire un equilibrio tra la ragione e le gambe. Un'impresa che ci tenevo a fare, soprattutto per capire fin dove può spingersi la mia forza fisica."
Patrizia Negri è impiegata delle Poste: veterana delle maratone e ultra. Ha corso la 100  km del Sahara e ha all'attivo una cinquantina di maratone in Italia e nel
mondo. (Roma, Firenze, MIlano, Lucca, Parigi, Berlino, ecc).
Bosio, commercialista di ventimiglia, arriva dalls Ponente Triatlon ed è alla sua prima Maratona.

"Sarà un viaggio lungo dentro me stessa - commenta Lauria -  la persuasione che la fatica è una componente normale e benefica della vita, non una terribile punizione a cui sfuggire. Ci sarà il fascino dell'imprevisto e del casuale, soprattutto dopo il chilometro numero 30. Ci sarà la fatica, la stanchezza ma anche la gioia di avere potuto "assaporare"una sfida così avvincente. Ci sarà il ritmo dei piedi, dei respiri, dei secondi, del cuore...Saranno la musica che mi accompagna. Ci sarà una nuova "porta" da oltrepassare.Quella che fa diventare maratoneti a tutti gli effetti. Il premio più importante sarà la gioia di averla oltrepassata".

 

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo