martedì 5 luglio 2022
20.10.2014 - Redazione

Alluvione Genova, Rixi: "insufficienti le misure proposte dalla Giunta regionale"

Danni alluvionali, Rixi: “Ottenuta una commissione ad hoc per il 2011: ci voleva un’altra alluvione per fare chiarezza”.

«I 20,2 milioni di euro messi a disposizione dalla giunta sono una presa in giro per tutte le imprese che, per la seconda alluvione in 3 anni, hanno visto distrutta la propria attività e oggi non sanno se riusciranno a riaprirla perché non hanno ancora finito di pagare i debiti del 2011» ha detto Edoardo Rixi, consigliere regionale della Lega Nord, che oggi pomeriggio, si è astenuto in commissione nel voto al ddl 372 372- Modifiche alla legge regionale n.1 del 3 febbraio 2010 sugli interventi urgenti post alluvione. “Insufficienti le misure proposte dalla giunta”.

«Non ci sono garanzie da parte del governo a erogare ulteriori stanziamenti necessari alle 2.500 imprese del territorio per fare fronte ai danni, che in certi casi arrivano anche al milione di euro, provocati da questa terribile alluvione – ha commentato Rixi – nessun accenno all’annullamento totale delle imposte, nessun aiuto a chi non riesca a riaprire subito i battenti della propria attività, nessun indennizzo a chi ha perso il proprio autoveicolo e, infine, nessun blocco nell’aumento sulle accise sui carburanti per la zona di Genova. A queste condizioni non ci possiamo stare.

Chiediamo garanzie e denari certi per le imprese che devono rialzarsi e per tutti quegli imprenditori ridotti oggi sul lastrico. Non possiamo tollerare che si ripeta ciò che è accaduto nel 2011 con decine di imprese che non hanno visto l’ombra di un euro e che si sono dovute rimboccare le maniche, contraendo pesanti debiti a livello personale, per poter riaprire bottega. Non sono voci di popolo ma la cruda realtà testimoniata dai dati: ci risulta, dalle prime stime ufficiali della Regione, che per l’alluvione del 2011 – che colpì anche le Cinque Terre, e, seppur in misura minore, anche l’imperiese e il savonese – sono stati erogati 23 milioni di euro – di cui 21,5 di Fondi Por Fesr - in tutta la Regione, cifra che, anche a prima vista, risulta decisamente inferiore rispetto ai danni riportati sul nostro territorio.

A questo punto, per fare chiarezza una volta per tutte e soprattutto per evitare che si ripetano gli errori del passato, ho chiesto e ottenuto che sia convocata d’urgenza una commissione ad hoc sui finanziamenti del 2011, per verificare a quali imprese sono andati, chi non li ha ricevuti e si confrontino con le richieste del 2014. Una magra consolazione a tre anni di distanza forse, ma un atto dovuto di chiarezza verso le troppe vittime di queste due alluvioni».

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo