giovedì 21 febbraio 2019
25.02.2015 - Redazione

Regionali: Liguria Libera e Fratelli d'Italia "tessono" l'allenanza anti PD

Liguria Libera e Fratelli d’Italia “tessono” l’alleanza degli anti Pd: entro mercoledì il tavolo dell’intesa per la scelta del candidato alla presidenza.

Liguria Libera e Fratelli d’Italia, insieme, hanno deciso di convocare ad un tavolo tutte le forze alternative al Pd, intenzionate a sottrarre la Liguria alla continuità della giunta Burlando.

La formazione civica guidata da Lorenzo Pellerano e Luigi Morgillo, ed il partito, rappresentato dal portavoce ligure Simone Torello e da Gianni Plinio della Direzione Nazionale, hanno avviato i contatti   con i differenti schieramenti politici, per fissare la data del tavolo che, nell’intenzione degli organizzatori, dovrà tenersi entro metà della prossima settimana. L’intento è quello di individuare un candidato condiviso dalle differenti forze in campo e riunirle in una unica grande alleanza, come ci chiedono gli elettori.

 

Ma, prima di arrivare al candidato, a chi si siede al tavolo si chiede di individuare il metodo per arrivare alla scelta definitiva. Liguria Libera la scorsa settimana ha proposto il suo metodo, condiviso anche da Fratelli d’Italia: sottoporre i nomi, proposti dai diversi schieramenti, ad un sondaggio di opinione.  Chi accetta questo metodo si impegna, a priori, a sostenere il candidato che risulterà “vincente” dal sondaggio.  

 

Liguria Libera e Fratelli d’Italia si dicono pronte ad accogliere anche altri metodi di scelta.

“L’importante – sostengono i responsabili dei gialli e di Fdi – è agire alla svelta”. Spiegano gli organizzatori dell’incontro : “Stiamo verificando la data ed il luogo che vadano incontro alle esigenze di tutti: l’importante, adesso, è sedersi tutti, e sottolineiamo tutti, a questo tavolo”, commentano i promotori dell’iniziativa. E’ il tavolo ligure e non altri che deve sancire l’alleanza e indicare il candidato Presidente”.

 

 

Tra Liguria Libera e Fratelli  d’Italia, due delle forze partecipanti alla coalizione antagonista al Pd, l’intesa è già stata trovata. L’appello, dunque, adesso,  è rivolto in particolare a Forza Italia e alla Lega Nord, le due forze più grandi, in grado di incidere positivamente sull’esito finale delle consultazioni,  a patto che non corrano disgiunte. “Uniti si vince, da soli si corre soltanto per perdere” è il monito che lanciano, insieme, gialli e Fdi. Insomma, chi corre soltanto per contare i suoi voti o le percentuali in aumento, si assume la responsabilità di una sconfitta, sulla quale non  ci  sarà il silenzio complice di Fratelli d’Italia e Liguria Libera.   “I  liguri – sostengono i promotori del tavolo -  non hanno bisogno di un mero esercizio di forza politica, ma di una speranza concreta, di un’alternativa a chi da dieci anni sta massacrando la Liguria”.   

 

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo