lunedì 6 aprile 2020
08.05.2015 - Redazione

Regionali, Viale: “Firma del protocollo d’intesa per le infrastrutture e i collegamenti: un atto concreto per fare uscire la Liguria dall’isolamento”.

Domenica 10 maggio alle ore 18.30 all’Hotel NH Marina di Genova si terrà la sottoscrizione del patto sullo sviluppo infrastrutturale della Liguria tra il governatore della Regione Lombardia Roberto Maroni, il candidato presidente della Liguria per la coalizione del centrodestra Giovanni Toti e il vicepresidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani.   E sull’emergenza immirazione, Viale: “Maroni è il governatore che dice ciò che serve: con l'accoglienza abbiamo già dato. Non c'è più posto. Mentre per Paita e Burlando va tutto bene: con i profughi hanno risolto i problemi del turismo. Anche la Liguria come la Lombardia dirà basta, con i profughi abbiamo già dato”.

«La Liguria ha un disperato bisogno di collegamenti e infrastrutture efficienti che la facciano riemergere dalla palude in cui è stata sprofondata da dieci anni di governo della giunta Burlando-Paita.

La nostra regione deve uscire dall’isolamento se non vuole rischiare di bruciare anche le sue ultime chance di proporsi come territorio turistico e aperto all’accoglienza. Ma la nostra regione da sola non può farcela: deve dialogare con i territori limitrofi, aprire i suoi orizzonti di sviluppo.

Come risposta alla politica miope e tutta chiusa su se stessa del vecchio e superato sistema Pd, noi proponiamo una solida collaborazione, con la Regione Lombardia del governatore Roberto Maroni».

Così Sonia Viale, segretario regionale della Lega Nord Liguria e candidata alla vicepresidenza della Regione per la coalizione di centrodestra, annuncia la firma del protocollo d’intesa per lo sviluppo infrastrutturale della Liguria tra il governatore della Regione Lombardia Roberto Maroni, il candidato presidente della Liguria per la coalizione del centrodestra Giovanni Toti ed alla presenza de vicepresidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani, organizzato dalla Lega Nord Liguria per domenica 10 maggio alle ore 18.30 all’Hotel NH Marina di Genova.

«Se oggi ci troviamo con le autostrade bloccate per chilometri e chilometri sulle Riviere nei fine settimana di primavera e con convogli ferroviari insufficienti per i turisti costretti a bivaccare ore e ore nelle stazioni delle principali località della nostra regione – dice Viale – la responsabilità è anche della politica insensata e ottusa perpetuata da un decennio di burlandismo.

 In questi primi scampoli di stagione turistica abbiamo visto la nostra regione presa d’assalto dai turisti e la Liguria è stata colta totalmente impreparata ad accoglierli e farli spostare sul territorio. Se siamo arrivati a questo punto è perché Burlando e il suo assessore alle Infrastrutture Paita si sono dedicati di più all’inaugurazione di qualche parcheggio sperduto che non a dialogare e collaborare con le Regioni limitrofe, in primis la Lombardia che con il governatore Maroni ha sempre dimostrato ampia disponibilità alla collaborazione su temi strategici come le infrastrutture e i collegamenti.

Ora che l’Expo è partito, a poco più di 100 chilometri di distanza da Genova, abbiamo sotto gli occhi la drammatica dimostrazione di quanto poco la giunta Burlando si sia impegnata in una sinergia seria e costruttuvia per intercettare i flussi di visitatori a Milano e portarli in Liguria.

 La giunta Burlando-Paita ha pensato di aggirare il problema dei collegamenti istituendo qualche pullman: una misura insufficiente e totalmente inefficace per andare incontro al grande pubblico attratto dall’Expo milanese».


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo