giovedì 2 aprile 2020
27.04.2015 - Redazione

Valorizzare i patrimoni artistici del Ponente ligure: l'appello di Alessandro Piana

 

Come vengono valorizzati i tesori storici e artistici dell'estremo Ponente dalla Regione Liguria? Se lo chiede il candidato a consigliere regionale della Lega Nord, Alessandro Piana, che nell'esaminare le bellezze storiche dell'ultimo lembo di Liguria lancia anche l'idea di un pacchetto turistico ad hoc che potrebbe essere promosso dalla Regione Liguria per rilanciare i tesori storici e artistici dell'estremo Ponente. E non nasconde il proprio rammarico di fronte alla promozione quasi nulla da parte del'Ente regione.

“Il territorio dell'estremo Ponente ligure – commenta Piana - ha mille risorse da valorizzare e custodire. Un patrimonio artistico inestimabile che racchiude migliaia di anni di storia: dai Balzi Rossi, al Teatro Romano, al centro storico ventimigliese, al Forte dell'Annunziata, ai giardini Hanbury. Questi ultimi rappresentano il parco botanico più importante d'Europa. Tesori di storia e cultura dall'immenso valore che necessitano di "pulsare" ed essere presi più in considerazione dalle Istituzioni che finora lo hanno dimenticato. La cultura ha bisogno di rinascere e respirare un'aria nuova. Ha bisogno di maggiori investimenti. In particolare di essere rilanciata all'esterno con strategie di marketing mirato che ora sono del tutto inesistenti.

Attualmente rappresentano siti “isolati” tra loro e poco conosciuti dai turisti. Perchè non proporre degli itinerari ragionati per collegare con una sola visita i punti salienti delle bellezze del luogo?

Il Forte dell'Annunziata, da poco inaugurato per i lavori di restauro dei saloni, è sempre più una cattedrale nel deserto. I lavori redatti dai tecnici locali hanno dato un risultato eccellente dal punto di vista estetico. Ma poi? Manca un bar, un bookshop, mancano delle iniziative di spessore. Tutto sembra lasciato al caso. Stessa cosa per gli Hanbury, i Balzi Rossi e il Teatro Romano. Bellezze che fuori dai confini provinciali pochi conoscono. E che la Regione lascia nel dimenticatoio ormai da troppo tempo.

Guardiamo ad esempio cosa fanno il Piemonte e la vicina Francia: qui il patrimonio artistico é valorizzato ai massimi livelli e i fondi Alcotra sono utilizzati tutti. 

I risultati sono tangibili. A volte basta copiare se non si vuole studiare”.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo