lunedì 23 maggio 2022
29.04.2014 - Donatella Lauria

Amministrative: "fuga" di presidenti di seggio nella città di confine

Compensi troppo bassi e legami con i vari candidati stanno facendo scappare molti dei presidenti di seggio di Ventimiglia.

Fuga di presidenti di seggi nella città di confine.

Motivo? Un compenso troppo basso rispetto  alla responsabilità e alla mole di lavoro “concentrata” in tre giorni: si parla di 180 euro circa. Non solo. A fare scappare alcuni responsabili dei seggi pare sia anche il legame di parentela e amicizia con i vari candidati.

Sta di fatto che tutto ciò ha messo in crisi non poco l’ufficio elettorale cittadino che ora sta cercando di tappare i buchi con una lista alternativa di presidenti supplenti. E anche questi non sembrano tutti convinti ad accettare.

La nomina dei presidenti di seggio viene fatta dalla Corte di Appello di Genova, secondo un elenco “speciale”. Quindi il Comune ufficializza l’incarico e provvede alla chiamata diretta.

Sul basso compenso dato ai presidenti di seggi in proporzione all’opera da essi prestata, si era già parlato mesi fa. La differenza tra la loro retribuzione e quella data agli scrutatori è minima.  Inoltre le elezioni comunali non sono certo una passeggiata. Bisogna avere a che fare con rappresentanti di lista agguerriti ( e a volte troppo nervosi) e con un numero maggiore di elettori rispetto ad una normale consultazione elettorale.

Senza contare che il 25 maggio ci saranno anche le elezioni europee.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo