venerdì 14 agosto 2020
06.03.2014 - Redazione

Crisi, l'appello del Cardinal Bagnasco: "siate sensibili all'occupazione dei giovani"

”Il  governo e il Parlamento debbano e possano fare qualche cosa di concreto per risolvere soprattutto il problema del lavoro in particolare per i giovani”. Così l’arcivescovo di Genova e presidente della Cei, Cardinale Angelo Bagnasco, h voluto affrontare di nuovo i problemi sul lavoro: “Le ricadute a livello occupazionale” di una inversione della crisi  non si vedono assolutamente – ha detto il porporato –   non bisogna mai perdere la speranza soprattutto di fronte a realtà nuove come un nuovo Governo dal quale ci si aspetta molto”. Bagnasco non ha dimenticato di sottolineare la crisi che coinvolge i giovani, definendola “allo stremo” e che sta diventando sempre più allarmante, auspicando che “tutti i responsabili, sia nell’ambito della politica, ma non solo, a tutti i livelli locali e nazionali, possano rendersi sempre piu’ conto di questa situazione drammatica”. “Si allungano, nelle parrocchie, in Curia, file di giovani e io stesso ricevo: giovani e non solo giovani che non hanno futuro, che non vedono futuro perche’ non trovano nessuna occupazione. Eppure sono disponibili, cercano e si danno da fare, con tantissima buona volontà. E vivono grazie ai genitori, ma le risorse non sono infinite”. Poi il Cardinale ha proseguito parlando della difficilissima situazione in Ucraina: “L’appello e l’auspicio ai capi delle nazioni, soprattutto quelle coinvolte in prima persona, di dare sempre piu’ spazio al dialogo di non cedere alla tentazione delle armi che non risolvono niente ma peggiorano tutto e perche’ si lascino guidare dal vero bene delle popolazioni e delle nazioni e non da altri interessi di tipo economico e finanziario” – ha concluso Bagnasco.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo