mercoledì 5 agosto 2020
24.02.2015 - Redazione

Liguria: la villa della contessa Vacca Augusta piace ai cinesi?

Villa Altachiara di Portofino,  una delle più belle residenze del Mediterraneo è in vendita da anni.

Notizia di questi giorni è la comparsa dell’annuncio di vendita sul sito vendereaicinesi.it , dei fratelli Alberto e Simone Toppino. Si cercano soprattutto all’estero possibili compratori, con l’aiuto di quello che è stato il primo e rimane  il più importante tra i portali dedicati alla vendita a imprenditori del paese orientale, un portale che nasce e ha sede nel cuneese. La bellissima villa a strapiombo sul mare, teatro nel gennaio del 2001 della misteriosa morte della contessa Francesca Vacca Agusta, tra le principali protagoniste della vita mondana italiana nei rampanti anni Ottanta, è in vendita, sul sito, alla cifra proibitiva di 25 milioni di euro, già ribassati rispetto ai 31 milioni e 650 mila euro della prima base d’asta. A spaventare i possibili acquirenti, oltre al prezzo, sarebbe la “maledizione di Tutankhamon” che aleggerebbe sulla struttura voluta dall’egittologo Lord Carnavon che scoprì e profanò la tomba del faraone bambino. Pochi mesi dopo Carnavon morì in circostanze misteriose. La maledizione colpì anche il nipote che cadde dalla stessa scogliera da cui precipitò la Contessa. Un alone di mistero che non ha impedito l’interessamento, si dice, di Silvio Berlusconi e di potenziali compratori russi, interesse mai diventato concreto. Per queste motivazioni il tribunale di Genova ora guarda ai cinesi e al sito vendereaicinesi.it per tentare di vendere la villa, costruita nel 1874, circondata da un meraviglioso parco di 3 ettari con bosco e dotata di eliporto, in uno dei luoghi più belli del Mediterraneo. «La vendita ha per oggetto il 100 % della società Unipersonale in Liquidazione “  D.M.C. IMMOBILIARE SRL “ con sede in Piazza Libertà 2 a Portofino e unica proprietaria della Villa Altachiara in Portofino» spiega Giovanni Fanella, consulente del Centro Servizi Aste di Genova che aggiunge «Si tratta di un pezzo unico che affaccia su due golfi, la villa misura oltre 1000 mq e il giardino si estende per 31.000 mq, è dotato di eliporto e dependance per il personale. Il valore del bene in vendita si aggira, in base alle perizie effettuate, tra i 39 e i 45 milioni di euro». Fanella conferma la presa della maledizione di Tutankhamon sull’opinione pubblica, ma sottolinea come il problema nell’acquisizione sia prevalentemente economico «Ai 31 milioni di euro richiesti nella precedente asta andavano sommati circa 7-8 milioni di euro per debiti verso l’erario» un sovrapprezzo che comunque non ha impedito l’avvicinamento di possibili compratori «Ci sono stati numerosi clienti interessati negli ultimi anni, ma il primo tentativo di vendita con una base d’asta di € 31.650.000,00 con vendita senza incanto il 19 novembre 2014 e con incanto il 18 dicembre 2014 sono andati entrambi deserti». Per queste motivazioni il tribunale ha deciso di ridurre la base d’asta a 25 milioni di euro, affidarsi al sito vendereaicinesi.it  e indire una vendita senza incanto il 30 marzo 2015 e con incanto il 27 aprile 2015.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo