mercoledì 5 agosto 2020
27.02.2015 - Redazione

Liguria: legittimo il progetto per socio-educatori

L’assessore  alle  Politiche Sociali della Regione Liguria Lorena Rambaudi ha commentato, in mattinata, a margine della riunione di giunta, la notizia dell’esposto presentato consigliera regionale Raffaella Della Bianca in Procura a Genova  su presunte irregolarità  nel progetto  per educatore   socio- sanitario.

“La consigliera Raffaella Della Bianca  ha studiato poco e male”, afferma Rambaudi.

“La materia è complessa, ma almeno dovrebbe conoscere le competenze di giunta e sapere che profili professionali e corsi di formazione dipendono da un altro assessorato. Comunque le scelte sono state condivise, non è questo il punto” 

L’assessore Rambaudi   afferma  che  la figura professionale di tecnico animatore socio-educativo è nel repertorio della Regione Liguria  e permette a tutti gli operatori che operano da anni nei servizi socio-educativi di avere una qualifica ed evitare l'estromissione dal mercato del lavoro ,  una situazione  che non riguarda ovviamente chi ha i titoli universitari. 

La soluzione prospettata dalla consigliera Della Bianca( una legge in deroga  a quella nazionale che normasse i titoli  in possesso degli aducatori già abilitati) non è legittima e non attiene alle competenze e quindi ai poteri dell'Ente Regione, come anche sancito dalla sentenza 153/2006 della Corte Costituzionale.

Il corso, pagato attraverso il Fondo Sociale Europeo, è gestito da una Associazione temporanea di scopo che si è aggiudicata la gara  per la realizzazione dell'iniziativa formativa, per un importo di milleduecento  euro, ed é composta da 24 soggetti, tra cui 3 Dipartimenti universitari, 5 Istituti scolastici, 5 Enti di formazione e diverse Associazioni di categoria.

Nella prima graduatoria  gli iscritti sono stati 1.715, di cui 1.476 ammessi alle prove di selezione, 13 ammessi con riserva (in attesa di dichiarazione di valore) e 226 non ammessi.

Nella seconda  graduatoria sono 880  glI ammessi alla prova orale, di cui 3 ammessi con riserva (in attesa della dichiarazione di valore), 523 ammessi con riserva (graduatoria “a scorrimento”, di cui 7 in attesa della dichiarazione di valore), 83 assenti alla prova scritta e 3 rinunciano a sostenere la prova scritta.

Sulla base del punteggio attribuito anche al colloquio orale si è stilata la graduatoria definitiva degli ammessi al corso e, quindi, in prima istanza alla fase di riconoscimento dei crediti in ingresso.

Il 10 novembre 2014 è stata pubblicata la graduatoria finale composta da 800 ammessi, 80 con riserva (graduatoria a scorrimento) e 5 non ammessi (assenti alla prova orale).

i colloqui per il riconoscimento dei crediti sono iniziati il 19 gennaio 2015 e termineranno il 6 marzo 2015.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo