martedì 26 gennaio 2021
24.03.2015 - Redazione

Sanità imperiese: in Consiglio regionale il Nuovo grande ospedale unico

  Questa mattina in Consiglio regionale si è discusso di sanità e si affrontato il tema della realizzazione del Nuovo Grande Ospedale della Provincia di Imperia. Nel suo intervento Marco Scajola ha ribadito quanto in questi 10 anni di Giunta Burlando la Sanità imperiese sia stata penalizzata fortemente rispetto al resto della Liguria, arrecando significativi disagi a cittadini ed al personale sanitario. Spiega l’esponente di centro destra: “ eclatante l’esempio riguardante la costruzione del Nuovo Ospedale ad Arma di Taggia.

 In questo caso la Giunta Burlando ha ripetuto più volte gli stessi proclami senza però attuare concretamente azioni amministrative volte alla realizzazione di questa importantissima opera, anzi insieme all’Amministrazione Comunale di Taggia, è complice di una decisione scellerata ovvero quella di spostare nella zona a sud della nuova stazione ferroviaria il sito dove dovrebbe sorgere il nuovo ospedale. Tale scelta prevedrebbe l’abbattimento di almeno sette palazzine e la cancellazione dello Stadio Comunale, in una zona ritenuta esondabile ”.

“Studi specifici – continua il consigliere regionale - fatti dall’Asl imperiese avevano invece evidenziato che la zona maggiormente idonea sarebbe quella a Nord della stazione, certamente molto più ampia, dove non sarebbero previsti abbattimenti, poiché i terreni sono prevalentemente agricoli. Inoltre non vi è alcun Piano Finanziario ed i tempi di realizzazione sono indefiniti”.

Aggiunge Scajola: “ho voluto ribadire che la Giunta regionale di centro sinistra in questi 10 anni di governo ha sperperato risorse importanti, ha creato disservizi agli utenti ed agli stessi operatori sanitari, senza prevedere una pianificazione più completa, ma soprattutto continuando ripetutamente a penalizzare la provincia di Imperia con i suoi 3 ospedali, Imperia, Sanremo e Bordighera, costantemente depotenziati per favorire realtà ospedaliere genovesi”.

“Si chiudono quindi 10 anni di governo sanitario fallimentare, dove la politica è stata padrona delle decisioni a scapito degli interessi degli cittadini e degli operatori sanitari”, conclude Marco Scajola.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo