giovedì 7 luglio 2022
15.03.2014 - Redazione

Ventimiglia: la senatrice Albano in visita ai presidi di Polizia cittadini

Una visita di cortesia quella effettuata venerdì dalla senatrice del PD Donatella Albano , membro di Commissione Antimafia , nella città di Ventimiglia , per verificare le possibili ricadute del piano di riorganizzazione dei presidi di Polizia deciso dal Ministero del Interno .
Dopo un primo intervento di allarme già depositato in Parlamento per la ipotesi di chiusura della sezione Polizia Postale di Imperia , la senatrice ha esaminato oggi l'altro intervento di previsione di accorpamento del Settore Polizia di Frontiera con il locale Commissariato di PS., insieme alle previste soppressioni dei posti di Polizia Ferroviaria di Oneglia e Sanremo.
"Una riorganizzazione importante - spiega il consigliere regionale del PD Sergio Scibilia - che deve avere come immediata conseguenza e dovrebbe prefigurare come unico obbiettivo il rafforzamento della sicurezza in un territorio difficile e complesso.
Ogni intervento di miglioramento delle condizioni di lavoro degli operatori , della logistica, di acquisto di nuovi mezzi tecnologici e meccanici, e' perseguibile .
La visita della Albano e' partita dalla stazione ,dal Commissariato della Polizia Ferroviaria con il consigliere regionale del territorio Sergio Scibilia.
Una stazione internazionale , con un traffico intenso da e per la Francia, per la Spagna, con numerosi viaggi di pellegrini durante tutto l'anno.
Un punto logistico europeo , primo riferimento come Paese Italia , primo presidio di sicurezza .
Un servizio che si svolge non solo all'interno della stazione, ma anche con interventi di controllo e sicurezza dei viaggiatori sui treni.
Negli anni il numero del organico della Ferroviaria , si è ridotto notevolmente ed oggi la decisione di eliminare le postazioni di Sanremo ed Imperia , lascia l'interrogativo sulle modalità di organizzazione della sicurezza sulla rete ferroviaria dal confine italo- francese fino al capoluogo di provincia .
Dopo la stazione la delegazione del PD si e' spostata presso il Commissariato di via Bligny, sede anche della Polstrada, della mensa per le forze dell'ordine.
Uno stabile centrale, ma ormai vetusto , che si ipotizza dal Ministero che potrebbe diventare il nuovo polo della sicurezza, sopprimendo l 'attuale distaccamento del Settore di Frontiera attivo nello stabile di piazza del Comune.
Una situazione- aggiunge la senatrice Albano- non ancora esattamente chiarita dal Ministro Alfano, mancano i dettagli operativi , mancano le indicazioni concrete.
Per ora disposizioni che arrivano da lontano ma non sappiamo quando saranno operativi.
Intendo riportare a Roma le reali esigenze di un territorio di frontiera, dove vengono svolte oltre alle importanti ed ordinarie operazioni di Polizia , attività internazionali normate da convenzioni con altri Paesi Europei.
Un territorio che rappresenta un porto di riferimento di traffici del corridoio tra Barcellona e Genova , con transiti su varie arterie ( strade, autostrade, treni).
Un territorio di confine con la vicina Costa Azzurra, con il Principato di Monaco , un territorio dove è presente un Casino ' .
Un territorio - conclude Albano- con forte presenza di organizzazioni mafiose che operano senza frontiere, che hanno bisogno di risposte certe, organizzate , della presenza forte dello Stato.
Siamo preoccupati - aggiunge il consigliere Scibilia- sulle reali conseguenze di questa decisione troppo centrale, non condivisa con il territorio , effettuata senza pensare troppo al dopo, ma solo all'immediato .
Bisogna rafforzare e ringiovanire gli organici , migliorare le condizioni di lavoro dei nostri operatori che agiscono ogni giorno nelle nostre città.
Se- conclude Scibilia- si tratta solo di risparmi e non di rafforzamento dei presidi di legalità , esprimiamo seria preoccupazione e chiediamo l'impegno dei nostri rappresentanti istituzionali ad una massima attenzione e stato di allerta".


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo