giovedì 17 agosto 2017
Sei in: Ponenteoggi » Sport
08.05.2016 - Donatella Lauria

Giro d'Italia: Kittel, colpo doppio nell'ultima tappa nei Paesi Bassi

Marcel Kittel (Etixx - Quick-Step) ha centrato il bis vincendo in volata la terza tappa del 99° Giro d’Italia tra Nijmegen ed Arnhem.

Il tedesco ha preceduto sul rettilineo finale gli italiani Elia Viviani (Team Sky) e Giacomo Nizzolo (Trek – Segafredo). Ha anche indossato la prima Maglia Rosa della carriera.
Più di mezzo milione di spettatori sulle strade hanno visto il Giro nella Provincia del Gelderland secondo le autorità dei Paesi Bassi e il comitato organizzativo locale. Oggi c'erano 30.000 persone in partenza a Nijmegen, 60.000 all'arrivo di Arnhem e 165.000 lungo la strada.

La lunga fuga del giorno è partita al primo chilometro con Julen Amezqueta (Willier Triestina – Southeast) e Johann van Zyl (Team Dimension Data), oltre a Giacomo Berlato (Nippo – Vini Fantini) e Maarten Tjallingii (Team Lotto NL – Jumbo) che erano nel gruppo di testa anche il giorno prima. Il quartetto ha avuto un vantaggio massimo di 8’10’’ al km 68. Tjallingii ha conquistato la Maglia Azzurra degli scalatori passando per primo all'unico GPM della terza tappa a Posbank (km 134).
Van Zyl ha continuato da solo ai -11 km. Ha fatto risalire il suo vantaggio fino a quasi un minuto ma il gruppo lo ha ripreso quando mancava solamente 1,7 km da percorrere e le squadre dei velocisti erano al lavoro per l’inevitabile volata.

Marcel Kittel: “Il mio piano per il Giro è di affrontarlo obiettivo dopo obiettivo. Il primo era di far bene a cronometro, il secondo era di vincere due tappe allo sprint. Ora volerò verso l’Italia con la Maglia Rosa, è un grande onore. Sono fiero di quel che sono riuscito a fare in questi primi tre giorni.

C’e l’ho fatta grazie al sostegno della mia squadra e alla mia condizione fisica che ormai è eccellente. Il grande numero di spettatori che hanno assistito alle mie vittorie e la maniera in cui mi sono imposto questi due giorni hanno reso la mia trasferta nei Paesi Bassi indimenticabile”.
La Maglia Azzurra Maarten Tjallingii: “Parlando stamattina della mia fuga di ieri, ho detto che quel che mi è accaduto è una cosa che si può fare solo una volta nella vita. Invece andando ancora in fuga oggi, ho centrato il bis. E l’atmosfera sulla strada era eccezionale. Questo è il mio pubblico di casa. Abito ad Arnhem e siamo passati a 200 metri da casa mia. Avere il Giro d’Italia nel Gelderland è un regalo per me. Sapevo che c’era la possibilità di prendere la Maglia Azzurra se fossi riuscito ad andare in fuga. Le gambe facevano fatica per l'attacco di ieri ma il morale era altissimo. Sono molto felice di tornare in Italia con questa maglia”.

DOMANI PRIMA GIORNATA DI RIPOSO - TRASFERIMENTO A CATANZARO


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo