mercoledì 21 ottobre 2020
Sei in: Ponenteoggi » Sport
04.10.2013 - Donatella Lauria

Rally di Sanremo, motori accesi dal 9 al 13 ottobre

Il rischio che saltasse è stato superato. Dopo lotte, discussioni e polemiche a tavolino, la guerra è stata vinta dallo scrso anno. I rombi che animeranno il Rally di Sanremo numero 55 si accenderanno. Una delle manifestazioni clou del comune dei fiori è salva. Vincono gli albergatori, vincono gli amanti dei motori, vince una città bisognosa di un’altra valida spinta promozionale che rappresenti un’alternativa al Festival o al corso fiorito. A Sanremo c’è posto per tutto. E anche lo sport, misto alla tradizione e all’utilizzo del territorio, deve vivere.

Il Rally di Sanremo torna ancora più trionfante dal 9 al 13 ottobre.

Uno stop alla manifestazione, già temuta lo scorsoanno, o anche solo la perdita della validità mondiale, avrebbe rappresentato un disastro per l’economia cittadina e per gli alberghi, già duramente colpiti dalla crisi, dall’aumento indiscriminato della pressione fiscale, dal taglio del 70% degli investimenti in manifestazioni a livello comunale e dai tagli alla promozione turistica a livello regionale.

Il  Rallynumero 55, nei giorni del 12 e 13 ottobre diventa un elemento fondamentale che permette agli alberghi di prolungare l’apertura stagionale, trainando tutto l’indotto della città. Con il rallye pulseranno anche il commercio, la ristorazione, lo stesso casinò bisognoso di boccate d’ossigeno.

L’evento sarà valido, anche quest'anno, per l'Intercontinental Rally Challenge, il Mondiale delle Super 2000. Il pericolo che la gara potesse essere ridimensionata a sola prova di campionato italiano sembra scongiurato.

 Molti aiuti arriveranno dalla Regione Liguria, dalla Camera di Commercio e dagli stessi albergatori.

 Il presidente dell'Automobil Club Sanremo Sergio Maiga ha confermato il mantenimento della validità mondiale Irc: "Non avrebbe senso limitarlo a prova di campionato italiano, è sempre stato un evento troppo importante dal punto di vista internazionale e deve rimanere tale".

 

Il Rally di Sanremo è stato ricavato da una superficie miste di asfalto e ghiaia, ma a partire dal 1997 è stato organizzato interamente su asfalto. Dopo essere usciti dal calendario WRC, l’evento è entrato a far parte del Campionato Italiano Rally. Dal 2006, è stato anche una gara valida per l'Intercontinental Rally Challenge.

Dal 2005 è stata reintrodotta la prova speciale della Ronde di Monte Bignone, che era stata sospesa nel 1985. Si tratta di uno dei tratti cronometrati più affascinanti della storia del rallysmo italiano, e con i suoi 44 km è uno dei più lunghi al mondo. La prova, suggestiva ed unica,  si svolge di notte e tocca i comuni di Perinaldo, Apricale, Bajardo e le frazioni di Sanremo Coldirodi e San Romolo.

Il programma completo al link http://acisanremo.it/rallysanremo/stampa/comunicati.htm

 

 

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo