lunedì 25 maggio 2020
Sei in: Ponenteoggi » Sport
08.09.2014 - Redazione

Sanremo Olympic Triathlon, nessuna conseguenza per l'incidente sulla ciclabile, parla l'organizzazione

Buone e confortanti notizie per colui che oggi pomeriggio è incorso in un incidente di gara  durante il Sanremo Olympic Triathlon. Il triatleta ucraino Vladymyr Polikarpenko, 42 anni, ex olimpionico, era rimasto ferito nel primo pomeriggio, dopo essere caduto con la bici sulla pista ciclabile nell'ambito della gara "Sanremo Olympic Triathlon".

 Si è trattato di un incidente di gara nel vero senso del termine, dovuto ad una irregolarità del percorso, occorsogli mentre era da solo, lungo la pista ciclabile, e risoltosi senza conseguenze anche grazie ad un pronto intervento dell’efficiente macchina organizzativa e dell'assistenza medica. Tempestivi sono stati infatti gli interventi del 118, della Croce Rossa e del medico di gara, Giuliano Monza, i quali hanno predisposto le prime cure ed il trasferimento al Santa Corona.

Le ultime informazioni provenienti dal Santa Corona sono tranquillizzanti: non ci sono conseguenze importanti al brutto incidente ed il forte triatleta sarà dimesso già nelle prossime ore.

 

Non solo cose positive, però, tra le parole del Patron Daniele Moraglia, presidente della Riviera Triathlon 1992, l’Associazione Sportiva che organizza la manifestazione:

 

“Sono ancora impegnato sul campo di gara, in questa giornata conclusiva del Sanremo Olympic Triathlon che ha visto una due giorni di sport con circa 700 atleti partecipanti, più gli accompagnatori provenienti da tutta Europa. Si tratta di un evento ormai consolidato, frutto del duro lavoro degli organizzatori e di tantissimi volontari, nonché del sostegno delle istituzioni, degli sponsor e di tante realtà che hanno reso possibile questa tredicesima edizione.

Purtroppo mi duole constatare come, a fronte di tutto questo, si sia data rilevanza ed evidenza sui giornali ad un sinistro che, senza voler assolutamente minimizzare, è comunque un normale incidente di gara, come ne succedono in continuazione ovunque.

Lo spettacolarizzare e il ridurre sui giornali l’intera manifestazione, la gara e l'evento ad un infortunio, seppur molto spiacevole, tanto più che capita ad un amico come Vladimir, dimostra una poca attenzione a quel che succede. Il Sanremo Olympic Triathlon e questa due giorni di sport, con un incidente di gara, non possono e non devono essere presi a pretesto per parlare di manutenzioni ed inefficienze. Per il prossimo anno, probabilmente, sarebbe bene che i giornalisti venissero a vedere cosa succede e quale atmosfera si respira durante il Sanremo Olympic Triathlon: li aspettiamo come sempre in Piazzale Carlo D'Apporto, dove si potranno rendere conto di persona.”

 

“In conclusione di questo 13° Sanremo Olympic Triathlon, ci tengo a ringraziare le istituzioni che ci hanno sostenuto, il Comune di Sanremo, la Regione Liguria, così come Area 24 Spa, che ci ha concesso l'uso degli spazi per lo svolgimento della manifestazione ,i nostri sponsor, PowerBar, Hikkaduwa, WHYSport, Trispecialist.com, Pico de Gallo, Gruppo Marenco Costruzioni, Opera Ma-gé, B.B. Dolciaria e Carrefour di Via Pietro Agosti, ovvero le aziende che hanno deciso di supportare la manifestazione ed infine un doveroso ringraziamento al fondamentale lavoro dei volontari, del 118, della Croce Rossa Italiana, dei Vigili del fuoco, della Lega Navale, della Capitaneria di porto, che hanno supportato e permesso di concludere con successo pieno questa serie di manifestazioni. Negli scorsi due giorni, a Sanremo, abbiamo dimostrato che il Running ed il Triathlon sono sport per famiglie ed occasione di grande festa e sana competizione."

 

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo